CAVOLFIORE

CAVOLFIORE VERDE

Ricco di clorofilla, il Cavolfiore verde o Cimone è il cugino “green” del Cavolo bianco. 

Come quest’ultimo è ricco di nutrienti preziosi, tra cui minerali, acido folico, vitamina C;  la clorofilla che gli conferisce il colore verde favorisce la produzione di emoglobina e può aiutare nella cura dell’anemia. 

Senza farci ingannare dal suo odore pungente, il Cavolfiore è un vero toccasana per la salute.  

Ricchissimo di vitamine e fibra è un ortaggio valido e salutare specie nella prevenzione del cancro.  

Il Cavolfiore ha un elevato contenuto d’acqua, apporta poche calorie (100 g forniscono solo 25 kcal) ed è povero di grassi, può quindi essere tranquillamente inserito in una dieta ipocalorica sia come contorno che come condimento per primi piatti.  

In più ha un buon contenuto di fibra (2,4 g ogni 100g di ortaggio) utile a tenere sotto controllo la glicemia e a ridurre il senso di fame migliorando la sazietà. 

CAVOLFIORE BIANCO

Verdura tipicamente invernale il Cavolfiore bianco è una delle varietà più comuni di cavolo.  

Si presenta di forma tondeggiante e colore bianco ha infiorescenza compatta di peso variabile tra 1 e 1,5 chilogrammi.  

Grazie al perfetto equilibrio dei suoi componenti il Cavolfiore Bianco esercita un’azione benefica sulla salute di tutto l’organismo e contiene poche calorie.  

Ne viene utilizzato anche il succo per scopi terapeutici. 

I Cavolfiori sono tipici ortaggi invernali, quando la qualità è migliore e i prezzi scendono notevolmente. Tuttavia sono disponibili tutto l’anno, ma ovviamente a prezzi maggiori. 

CAVOLFIORE CAPPUCCIO

Questo ortaggio rientra nella famiglia dei Cavoli, insieme al Cavolo verza, il Cavolo riccio, il Broccolo, il Cavolo nero, il Cavolo rosso e i Cavolfiori. 

Oggi se ne riconoscono i benefici per numerose condizioni e patologie.  

In molti casi queste sostanze si perdono con la cottura, quindi il consiglio è quello di mangiare i cavoli crudi quando possibile.  

ll Cavolo cappuccio viene impiegato, oltre che come ortaggio fresco, anche per la produzione dei noti Crauti.  

Questi non sono altro che Cappucci sottoposti a processo di fermentazione. 

CAVOLFIORE VIOLETTO DI SICILIA

Il Cavolfiore violetto di Sicilia è una varietà tipica. 

L’infiorescenze sono di ottima qualità, molto uniforme, dal peso elevato di kg 1,5 e dal colore violetto intenso.  

E’ un prodotto tipico Siciliano, in dialetto lo chiamiamo “bastaddu” e il piatto maggiormente diffuso, nelle nostre tavole, è c.d. il “bastaddu affucatu”.  

Scopriamo questo ortaggio, tipicamente Siciliano della zona orientale, e dalle tante qualità salutari. 

È certo che fosse conosciuto e apprezzato già dai Romani, che ne conoscevano le virtù terapeutiche e lo consumavano crudo, prima dei banchetti, per rallentare l’assorbimento dell’alcool.  

Questo ortaggio ha un buon contenuto in vitamina C, potassio, fosforo e calcio.  

Al suo interno vi sono inoltre vitamine A, B2, K e acido folico, un alto contenuto di sali minerali ed è notevole il contenuto in fibra alimentare.  

Numerose ricerche scientifiche hanno confermato l’azione protettiva derivante dall’assunzione di Crocifere contro l’insorgenza di alcuni tipi di cancro, grazie a tali composti, in cui è presente anche dello zolfo, responsabili del caratteristico odore durante la cottura.  

I composti solforati, infatti, facilitano, a livello cellulare, l’eliminazione di sostanze tossiche ed eventualmente cancerogene.  

Inoltre il Cavolfiore proteggerebbe dall’insorgenza di malattie cardiovascolari. 

Il colore rosso intenso-violaceo deriva da un mix di sostanze benefiche che proteggono dai tumori, gli antociani.  

Essi sono composti poliaromatici poliossidrilati in grado di reagire con gli ossidanti quali l’ossigeno molecolare e i radicali liberi riducendo così i danni che queste molecole possono provocare alle cellule ed ai tessuti.